smart working fase 2

smart working fase 2

Smart working fase 2, siete pronti?

Il nuovo Dpcm che regola la ripartenza delle aziende incentiva il “massimo utilizzo”, dove possibile, del lavoro agile.

Circa il 60% delle aziende in Italia ha introdotto lo smart working durante l’emergenza sanitaria. Quindi solo in 4 aziende su 10 il lavoro agile era già qualcosa di aziendalmente consolidato. Possiamo tranquillamente affermare che lo smar tworking imposto dal Covid-19 è stata una novità per moltissime aziende. Si è saltato direttamente dalla fase di test alla fase di stress test.

Giunti a questo punto è necessario fermarsi e tirare le somme per capire cosa è successo, cosa sta succedendo e che direzione prendere.

La modalità di lavoro remota ci ha permesso di mantenere una certa Business Continuity e ha dato una incredibile spinta verso una digitalizzazione del lavoro. Uno degli aspetti più delicati quando si parla della gestione dell’infrastruttura IT da remoto riguarda la sicurezza. Oggi, ad esempio, tutti i dipendenti sono in grado di accedere alle risorse aziendali tramite una VPN, cosa che fino a poco tempo non fa non era pensabile. Il nostro compito ora è quello di pensare a questa modalità nel lungo termine e non come a qualcosa di passeggero e contestualmente alle insidie che questa modalità porta con sé.

smart working fase 2

Spesso le soluzioni aziendali messe in piedi e fretta e furia si sono rilevate non efficaci: accessi da remoto mal configurati o con implementati tecnologie non adatte, computer privati utilizzati come aziendali non adeguatamente protetti o condivisi con altri familiari, strumenti di videoconferenza non sicuri e così via.

Gli stessi attacchi informatici, soprattutto quelli legati al phishing, hanno giocato con le nostre insicurezze spingendoci a cliccare e a registrarci su siti malevoli.

Anche se da una parte questo rientro alla normalità e il graduale rientro dei dipendenti in ufficio ci permette di dimenticare la sicurezza applicata allo smartworking sarà necessario prestare attenzione a tutti i rischi provenienti dalle macchine uscite dal perimetro aziendale (e che magari non abbiamo tenuto sotto controllo) e che ora torneranno operative sulle nostre reti. Sarà necessario controllare i sistemi antivirus, gli aggiornamenti dei sistemi operativi, verificare l’eventuale presenza di programmi non desiderati etc etc.

Insomma, anche siamo alla fase 2 non è il momento di abbassare la guardia.  

Vuoi avere ulteriori informazioni su backup e disaster recovery? Scrivici!

Aut. tr. dati D. Lgs. 196/2003